Amici della Fotografia :Foto Lavoro [work photo]

"Le Origini della Danza"

La danza che conosciamo oggi nasce alla corte di re Sole , le sue origini sono antichissime tribù ballavano ancor prima di saper parlare .



Nel medioevo alla feste si esibivano in salti e capriole ma questo era una danza poco signorile ,i signori modificano con movimenti più lenti e strisciavano i piedi .


Nel 1661in Francia luigi XIV, viene fondata l'Acadèmile Royale de Danse.
La danza si evolde sempre più il 1832 Maria Taglioni danza sulle punte ,cambiò moltissimo lo stile dei ballatti con costumi e coreografie ispirando cosi grandi capolavori del balletto.





 La svolta viene negli anni sessanta  molti balleti classici vengono accompagnati con musica Jazz e rock 'n' Roll,possiamo dire che questo da un input alla danza moderna .






_____________________________________________________________


 " Marco Paolini scusate il Ritardo"

Foto By Franco

Il 1° ottobre c.a., in quel di Treviso, è avvenuto uno di quei fatti che si possono leggere ed interpretare come segnali di cambiamento epocale nella vita di una comunità.
Dopo un “esilio” durato ben 14 anni è tornato a recitare nientemeno che in piazza dei Signori, luogo più ufficiale non poteva esserci, l’attore e regista nostrano, ma caro e conosciuto anche al resto d’Italia, Marco Paolini accompagnato al violoncello dallo stesso Mario Brunello anche lui protagonista della protesta di 14 anni fa.




Titolo dello spettacolo: “Scusate il ritardo”. Un ritardo certo non dovuto all’attore. Il lungo esilio era stato infatti deciso dall’allora Sindaco Gentilini dopo che Paolini, Brunello, assieme ad altri artisti, scesero in piazza dei Signori, si calarono i pantaloni e rimasero in mutande per protestare contro la decisione del Comune di affidare alla Fondazione Cassamarca la gestione del teatro.In mutande suonarono l’Ave Verum di Mozart. Mai affronto fu più grande per lo “Sceriffo”. Paolini e compagni vennero “esiliati” finché la città rimase in mano leghista.



 Lo spettacolo ha ricevuto una calda accoglienza da parte del pubblico trevigiano che ha tenuto a sottolineare con scroscianti applausi il gradimento ma anche la vicinanza umana verso artisti come i citati Paolini e Brunello che hanno mostrato, pur nell’orgoglio di essere figli della terra veneta, la capacità di saper parlare al cuore di tutti.


















Camera & Cucina 



Sorrento...
 nelle vie del centro tra negozi di intarsio ligneo botteghe del limoncello, ceramiche coloratissime , bar e pizzerie, in via Correale adiacente a piazza Tasso, una macchina d’epoca  nel mezzo di un locale attrae la mia attenzione, Ristorante-Bar-Garden-Gallery “Camera & Cucina

 il colore bianco delle pareti l’arredo rosso nero le foto appese alle pareti dei fotografi internazionali e macchine fotografiche ti coinvolgono in un ambiente newyorkese, il proprietario ci accoglie con la proverbiale cordialità partenopea  ci racconta un po' della sua vita trascorsa in varie parti del mondo, dove trae ispirazione per il suo originalissimo locale ,il ristorante con la cucina open, dove seduto in buona compagna un elegante bicchiere di ottimo vino, accompagnato da  una ottima colonna sonora in sottofondo, puoi  ammirare lo chef che destreggiandosi tra padelle e preparazioni dei piatti delle tipica cucina campana (ovviamente con una sua originalità).

Oltre all'ottimo cibo ed aperitivi originali e quant’altro , qui si organizzano anche visite guidate alle fabbriche artigianali del territorio, il nostro incontro tra chiacchiere e racconti di vita viene accompagnato da un perfetto latte di mandorle (ovviamente fatto artigianalmente) con una strizzatina di limone, la fine del nostro incontro si conclude con una confidenza di poter aprire altri locali come questo nelle città del mondo .






 





Posta un commento